Randstad Professional - Bologna

Esperienze con headhunter e agenzie di recruiting.

Moderatore: Fulvio Romano

Regole del forum
Inserendo un messaggio dichiari di aver letto e accettato il regolamento di partecipazione. Nello specifico, sei consapevole che ti stai assumendo personalmente la totale resposabilità delle tue affermazioni, anche in sede civile e/o penale, manlevando i gestori di questo sito da ogni coinvolgimento e/o pretesa di rivalsa. Dichiari inoltre di essere consapevole che il messaggio sarà visibile pubblicamente e rinunci ad ogni forma di compensazione (economica o altro). Rinunci inoltre esplicitamente a qualsiasi pretesa di cancellazione del messaggio.
Rispondi
Avatar utente
PLA
Nuovo iscritto
Messaggi: 2
Iscritto il: 28/08/2018, 18:26
Software noti: Siemens NX_Creo_ME10
Località: Modena

28/08/2018, 21:05

Ciao a tutti,

inizio io questo thread dato che non mi pare ci sia già una discussione aperta.

Tempo fa fui contattato dalla Randstad Professional di Bologna e mi piacerebbe recensirla.

Il canale di contatto fu Linkedin ma in realtà il mio nominativo l'avevano già preso dalla loro banca dati interna. Mi contattarono per avere un aggiornamento del mio CV e per chiedermi se ero interessato ad una posizione aperta che, sulla carta, sembrava inerente al mio profilo.

La fase di approccio/conoscitiva fu ottima: colloquio telefonico per dare le prime informazioni seguito poi da un webmeeting tramite skpe più approfondito.
La posizione ricercata venne descritta dal recruiter in modo esaustivo e completo. Anche il contesto Aziendale venne specificato.
Mi ricordo che per l'appuntamento con l'Azienda fui contattato anche in occasione della conferma del luogo ed orario.
E, cosa molto gradita, al primo colloquio in Azienda trovai anche il recruiter della Randstad.
Durante il colloquio feci una serie di domande per verificare se le risposte da parte dei rappresentanti aziendali fossero simili e coerenti con quanto detto dal recruiter al precedente colloquio. Trovai tutto in linea con quello che mi era stato detto inizialmente.

Tra le varie fasi di selezione con l'Azienda, il recruiter faceva da anello di congiunzione in modo molto professionale, mai invadente e sempre attento a dare le informazioni giuste (eravamo in pochi candidati rimasti "in gara" e nonostante tutto riusciva a dare informazioni approfondite senza mai sbilanciarsi né da una parte né dall'altra).

Anche durante la fase di proposta economica/contrattuale ricordo fui supportato egregiamente.

Personalmente, anche se alla fine tutto dipende dal singolo recruiter, devo ammettere di essermi relazionato con una figura decisamente professionale, altamente qualificata e competente.
Rispondi